Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
umamiarea
Facebook Twitter Youtube Newsletter
magazine
condividi: share facebook tweet this email

La nuova scheda di assaggio del caffè espresso

01/02/2020

ultimo aggiornamento 09/02/2020 20:58:09

Nel libro Zero Caffè scritto da Andrej Godina e Sandro Bonacchi è descritta la nuova scheda di assaggio del caffè con l'introduzione del nuovo termine "flavore"

scheda assaggio espresso.jpg
Andrej Godina e Sandro Bonacchi nel libro Zero Caffè pubblicato da Medicea Edizioni Firenze pubblicano la nuova scheda di assaggio del caffè rivoluzionando il mondo dell'analisi sensoriale. Nella scheda è coniato il nuovo termine FLAVORE.

Nel campo della descrizione qualitativa del caffè è di uso comune il termine “flavour” che rappresenta la concomitante descrizione degli stimoli ricevuti al palato, quando la bevanda è in bocca, dei gusti e degli aromi percepiti per via retronasale. Il termine flavour non ha una traduzione appropriata in italiano. E’ per questo motivo che nel libro Zero Caffè è stato coniato un nuovo termine tecnico, il Flavore che rappresenta e descrive l’insieme di tutte le percezioni sensoriali percepite all’introduzione del caffè al palato. Il flavore è il risultato della combinazione degli stimoli dei gusti percepiti dalle papille gustative, dell’aroma percepito per via retronasale, dell’intensità e della qualità del corpo percepito al palato. A differenza del “flavour” il flavore incorpora anche la valutazione tattile del caffè in quanto per l’espresso è una delle caratteristiche importanti che ne definiscono la qualità, a differenza dei metodi a filtro nei quali questa differenza è molto più limitata e trascurabile.