Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
umamiarea
Facebook Twitter Youtube Newsletter
Alessio Simonetta
Alessio Simonetta Facebook
condividi: share facebook tweet this email

Profilo

Alessio Simonetta and Panchito.JPG
Sono nato e cresciuto a Torino, città di Angelo Moriondo, inventore della macchina del caffè espresso. Mi considero profondo e creativo, il mio alias è Coffeenauta, persona con l’indole di ricercare e scoprire attraverso i viaggi il cosmo del caffè di qualità, conoscendo le culture connesse ad esso.
Il mio primo approccio legato al caffè risale quando all’età di 7 anni le Domeniche mattine mi riunivo con miei genitori per fare colazione in famiglia e io mi prendevo la responsabilità di preparare il caffè per loro.

All’età di 17 anni iniziai a lavorare senza lasciare gli studi presso un’officina di riparazione e vendita di macchine per caffè espresso e lì incontrai la prima Faema E61, la macchina che rivoluzionò il mondo delle caffetterie con il sistema a doppia caldaia. Nell’estate 2012 partii per Londra, dopo pochi mesi di lavoro in una caffetteria qualunque, incontrai durante una pausa sigaretta Lewis, un barista che lavorava da Notes nel brunch a due vetrine da dove lavoravo io, lui mi incuriosì molto parlandomi di specialty coffee e di come la qualità del caffè servito in quella caffetteria fosse superiore, il giorno dopo portai il curriculum lì e dopo pochi giorni ebbi il colloquio con il manager e una giornata di prova, mi assunsero.
Feci il primo barista training con Fabio, barista trainer e head roaster, che mi spiegò come il concetto di Notes non si limitava alla caffetteria ma anche a tostare nella loro microtorrefazione il caffè che veniva servito e fornirlo ad altre caffetterie, usando solo monorigini di vari paesi in modo tale da avere sempre microlotti di varietà differenti ogni mese per i loro clienti, mi affascinò molto questo modo meticoloso di trattare i grani di caffè, così che iniziò a crescere la passione e la mia professionalità in qualità di barista, lavorai in alcune delle altre migliori caffetterie di Londra come Department of Coffee and Social Affairs e Barber and Parlour, grazie a queste esperienze lavorative che mi permisero di lavorare e confrontarmi giornalmente con baristi di alto livello e una clientela molto esigente, arricchii il mio know-how praticando differenti metodi di estrazione dal solito caffè espresso, ebbi anche la fortuna grazie ad Origin Coffee a partecipare al modulo Barista Skills, corso di formazione di SCA.

All’inizio del 2016 decisi di tornare in Italia con la volontà di poter approfondire la conoscenza sul caffè verde ed il processo di torrefazione, contattai Marco Cremonese che a sua volta mi invitò a partecipare al Umami Coffee Camp che si tenne a fine Luglio nella sede di Umami Area a Poggio Airoso provincia di Firenze, durante queste giornate dedicate al caffè di qualità con il percorso formativo del Coffee Diploma System di SCA, incontrai Andrej Godina e gli esposi il mio desiderio di passare alcuni mesi in un paese di origine e poter approfondire gli studi sulla produzione del caffè e lui mi parlò del progetto Umami Area Honduras - Finca Rio Colorado, che mi emozionò.

Quindi a febbraio 2017 partii, direzione Honduras per un periodo di sette mesi di stage ospite della cooperativa COCAFCAL in Las Capucas che conta più di 800 soci produttori di caffè con cui ho il piacere di condividere le mie giornate. Ad oggi il mio sogno è diventato realtà, lavorando alla realizzazione dei progetti Umami Area Honduras - Finca Rio Colorado aiutando lo sviluppo sociale ed economico locale in modo sostenibile.
 
Mediagallery